giovedì 29 maggio 2014

Il confine dell'eternità di J.A.Redmerski

«Per me tu sei tutto» le sussurro sulle labbra. «Non dimenticarlo mai.»

«Non lo farò» mormora lei di rimando, muovendo piano i fianchi contro di me. Mi sfiora la bocca e, prima di baciarmi, dice: «Ma se dovesse capitare, per qualsiasi motivo, spero che troverai sempre il modo di ricordarmelo». 




"Il confine dell'eternità" è l'attesissimo seguito del libro "il confine di un attimo" di J.A.Redmerski edito in Italia da Fabbri Editori.


*ATTENZIONE* se non avete letto il primo NON continuate la lettura!!*

La storia romantica di Andrew e Camryn continua tra difficoltà e paure. Camryn si scopre incinta ma la gravidanza sembra creare più problemi di quelli che pensassero. La vita zaino in spalla viaggiando in tutto il mondo sembra un sogno sempre più lotano e irrealizzabile. Staccarsi dalla routine con un neonato da mantenere e curare è possibile? Come se non bastasse, la paura che il tumore di Andrew possa tornare incombe sulla coppia, sempre più incapace di uscire dalla situazione che li inghiotte. 
Solo la musica offre loro brevi momenti di gioia e unione ma tutto il resto sembra diverso. 
Andrew e Camryn attraversano un momento difficile ma ne usciranno più forti di prima.

Cosa dire di questo libro? Dovevo leggerlo per curiosità personale ma sapevo di non dovermi aspettare niente di che. Alcuni degli avvenimenti sembrano inseriti proprio per fare contenti i fan che seguono la storia di questi due innamorati. Spesso, proprio per questo motivo, la storia risulta inverosimile o banale. Ho apprezzato invece la fine (non ricordo se proprio l'ultimo capitolo o gli ultimi due o tre) in cui l'autrice introduce un nuovo punto di vista nella narrazione.
Nel complesso continuo a consigliare la lettura del primo libro (perfetto sotto l'ombrellone). 
Questa continuazione la consiglierei a chi davvero non riesce a scollarsi dalla testa la storia di Andrew e Camryn, verrete sicuramente accontentati. Se già il primo libro non vi ha entusiasmato invece, lasciate perdere.

Buona lettura!!
Patty

martedì 27 maggio 2014

Teaser Tuesday #2


Oggi vi propongo due frasi dal libro che ho appena finito di leggere:

 Il confine dell'eternità di J.A.Redmerski.


"La vita è una cosa misteriosa, spesso ingiusta. Ma stando con Andrew ho imparato che può essere anche meravigliosa e che di solito, quando ti capita qualcosa di brutto, è solo per fare spazio a qualcos’altro di bellissimo. Almeno, mi piace immaginare che sia così. E questa convinzione mi dà la forza di cui ho bisogno in certi momenti."

"Andrew mi ha sempre colpito. Mi ha colpito il modo in cuifunziona la sua mente. Il modo in cui sa guardarmi e, anche restandoin silenzio, farmi sentire la persona più importante delmondo. Mi ha colpito con il suo ottimismo, anche quando lavita sembrava crollargli addosso. E mi ha colpito per come riescea riaccendere una luce negli angoli più bui dei miei pensieri,quando credo che tutto sia perduto."

---

Approfitto di questo post per annunciare una nuova uscita nell'editoria. Sicuramente altre, come me, stanno aspettando da mesi questo giorno: oggi esce City Of Heavenly Fire, sesto libro della serie Shadowhunters-The Mortal Instruments!


Sono molto curiosa di leggere questo libro quindi me lo procurerò il prima possibile. Lo leggerò in inglese e ne posterò una bella recensione in anteprima rispetto all' edizione italiana. Spero vi interessi :)

A Presto! Patty

domenica 25 maggio 2014

Gironzolando in libreria #2



Da quando ho comprato l'ebook ammetto di aver acquistato davvero pochi libri cartacei. Tuttavia, il fascino unico della libreria non riuscirà mai ad essere rimpiazzato da un semplice giro sul web alla ricerca di trame accattivanti. Entrare in libreria è un po' un'esperienza catartica: sentire il profumo di carta, guardarsi intorno ed essere circondati da libri che ti guardano come vecchi amici, c'è qualcosa di meglio? Ovviamente sì. Comprare TUTTO! 
Quanti come me non riescono a contenersi in libreria volendo appropriarsi di tutti i titoli che stuzzicano la propria curiosità?
Ieri per l'appunto, non ho resistito anche perché ho scoperto una nuova ed interessante offerta: i MiniMammut Newton Compton. Come nel post che ho pubblicato qualche giorno fa, questa casa editrice propone grandi classici in edizione super economica ma con copertine divertenti e moderne a prezzi stracciati. QUI trovate il sito della casa editrice con altre informazioni.
Dove trovarli? Io li ho cercati nei supermercati e nelle piccole librerie dove purtroppo non si sono ancora diffusi, forse ci vorrà un po' di tempo. In ogni caso nelle grandi librerie (per es. Feltrinelli) ci sono espositori dedicati che raggruppano tutti i titoli. Essendo grandi classici probabilmente molti li avrete già letti, se così non fosse approfittatene!

Buono Shopping ;)
Patty
 
PS: Avendo già letto quasi tutti questi libri, è stato difficile scegliere una copia che non fosse un doppione. Alla fine ho optato per "Il Maestro e Margherita" di Bulgakov. Cosa ne pensate?

giovedì 22 maggio 2014

Il Confine Di Un Attimo di J.A.Redmerski

"Io stavo prendendo la strada lunga e Camryn imboccava la strada verso il nulla, e si dà il caso che le due strade portassero dalla stessa parte."


Il confine di un attimo è uno dei primi libri della scrittrice J.A.Redmerski inizialmente autopubblicato online e in seguito ripreso in considerazione da una grande casa editrice americana diventando un fenomeno mondiale. In Italia è edito da Fabbri Editore.


Il viaggio sulle grandi strade che attraversano l'America è il filo conduttore di questo libro che racconta e intreccia le vite di Camryn ed Andrew. 

Camryn è una ragazza ventenne del North Carolina che intraprende un lungo viaggio da sola per ritrovare se stessa. Nonostante la giovane età ne ha passate tante e ora è decisa a riprendersi la propria vita dandole finalmente un senso.
Per tutt'altri motivi anche Andrew è in viaggio. Sembra un ragazzo con le idee chiare ma in questo momento suo padre è in fin di vita e lui sta cercando di metabolizzare il dolore. L'ospedale in cui è ricoverato è lontano chilometri ma, ricevuta la notizia, decide di evitare mezzi rapidi scegliendo l'autobus per darsi tempo, per rimandare la realtà.
Così i due si incontrano, in viaggio, conoscendosi e amandosi piano piano.

Questo libro mi è davvero piaciuto. Mi sono immedesimata nella protagonista sin dalle prime pagine condividendo angosce e pensieri sul futuro. Andrew, ovviamente, è il ragazzo più affascinante del pianeta in che favorisce senz'altro lo scorrere delle pagine. 
Bellissime le colonne sonore che accompagnano il viaggio dei due attraverso l'America. A questo libro non manca niente: divertimento, filosofie di vita e amore sensuale si alternano perfettamente in una sinfonia di emozioni. Per mio gusto personale, nonostante abbia amato il libro fino al penultimo capitolo, proprio alla fine avrei voluto bruciarlo (era sull'ebook e quindi ho evitato XD). Ho trovato l'ultimissimo capitolo estremamente banale e in contrapposizione con tutta la filosofia del libro.
Consigliatissimo comunque...uno dei migliori libri che ho letto negli ultimi mesi.
Ditemi cosa ne pensate voi...l'avete letto? Ne avete apprezzato il finale?

Ovviamente leggerò anche il seguito per curiosità. Nella mia testa in realtà si è comunque sviluppata spontaneamente un'altra fine.

A presto, Patty!

Vi lascio una delle canzoni citate dal libro...



martedì 20 maggio 2014

Teaser Tuesday #1



Inauguro la rubrica del martedì con due frasi tratte dal libro che sto leggendo attualmente: 

"Il confine di un attimo" di J.A.Redmerski

"La prima cosa che mi ha detto dopo che ci siamo conosciuti e abbiamo fatto la nostra prima vera conversazione è stata: "Mi chiedo se l'oceano abbia un profumo diverso dall'altra parte del mondo". All'inizio io ho riso perché mi sembrava una cosa molto bizzarra da dire a una ragazza, ma poi ho capito che quella semplice frase lo rendeva diverso da chiunque altro".

“Rimuginare, pianificare.. tutte cazzate.” Dice. “Rimugini sul passato e non riesci ad andare avanti. Passi troppo tempo a pianificare il futuro e ti muovi all’indietro, oppure resti immobili nello stesso posto per tutta la vita.” Aggancia il mio sguardo. “Vivi nel presente” afferma con un tono serio “dove tutto accade al momento giusto. Prenditi il tempo che ti serve, poni un limite ai brutti ricordi e arriverai ovunque tu voglia molto più velocemente e con molte meno difficoltà lungo la strada.”

Voi cosa state leggendo?

sabato 17 maggio 2014

Inferno di Dan Brown

“Robert, parlando da un punto di vista puramente scientifico, tutta logica e niente cuore, posso assicurarti senza ombra di dubbio che, se non interverranno cambiamenti drastici, la fine della nostra specie è alle porte. E si avvicina velocemente.  Non sarà causata dal fuoco né dallo zolfo, dall’apocalisse o da una guerra nucleare…Il collasso globale sarà provocato dal numero degli abitanti sul pianeta, la matematica non è un’opinione”.


Inferno è l’ultimo best seller di Dan Brown, noto autore di libri thriller con sfondo storico/artistico. Il personaggio principale dei suoi libri è Robert Langdon, un professore di simbologia all’università  di Harvard, richiesto in tutto il mondo per risolvere enigmi impossibili. Da qualche settimana è uscita una comodissima versione tascabile che, con soli 5€ permette di portarsi in giro un piccolo mattone di suspence.

In Inferno il professore è chiamato a salvare l’umanità da un virus biogenetico creato da uno scienziato pazzo appassionato di Dante. Robert si sveglia in una camera d’ ospedale a  Firenze senza ricordarsi nulla di ciò che gli è capitato nelle ultime 48 ore. I dottori dell’ospedale, in particolare Sienna Brooks che parla la sua lingua, lo aiutano a ricostruire le vicende trascorse quando una killer professionista entra nell’ospedale per uccidere il professore. In una corsa continua cercando di allontanarsi dal pericolo, Robert, aiutato da Sienna, scappa dalle autorità che smuovono tutta la città per ritrovarlo. Aiutato dalla dottoressa , Robert capisce che il motivo per cui tutti lo stanno cercando è una  capsula ad alta sicurezza sigillata dal simbolo del rischio biologico. Inizialmente è restio ad aprirlo, non essendo a conoscenza del contenuto potenzialmente pericoloso della capsula ma poi Sienna lo convince, così il professore, appoggia il pollice destro sull’apertura e scopre il contenuto della capsula: un miniproiettore laser raffigurante un noto quadro di Botticelli modificato. È così che inizia una corsa contro il tempo per decifrare gli interminabili enigmi contenuti in quello strano oggetto.


Dan Brown ha una scrittura incalzante e con tre parole è in grado di immergere il lettore nella storia di Robert Langdon, entrando nella sua testa e nei suoi pensieri. La trama è complessa e nel corso delle 552 pagine riserva diversi colpi di scena. Verso la fine del libro ero però abbastanza delusa e annoiata, le vicende avevano iniziato a prendere una piega banale. Proprio per questo il finale mi ha lasciato totalmente senza parole risollevando il mio giudizio riguardo al libro. 
Un tratto che apprezzo della scrittura di Dan Brown è sicuramente la delocalizzazione delle vicende: i personaggi si spostano in tre città diverse nel giro di 2 giorni e in ognuna l'autore contestualizza descrivendo puntigliosamente ogni dettaglio permettendo al lettore di viaggiare virtualmente con i protagonisti delle vicende.


Curiosità: il romanzo termina con la parola "stelle", la stessa con cui finiscono le tre cantiche della Divina Commedia di Dante.

Buona Lettura!! Patty

giovedì 15 maggio 2014

Shadowhunters - le Origini - La Principessa di Cassandra Clare




Terzo e ultimo libro della saga "le Origini" di Cassandra Clare: La Principessa
*Sconsiglio la lettura della seguente recensione a chi non avesse ancora letto i precedenti libri*

Il libro inizia catapultando subito il lettore nell'azione: Gabriel Lightwood arriva all'Istituto di Londra chiedendo aiuto per il padre irriconoscibile a causa di una malattia demoniaca. Lo sgomento iniziale per questa sua richiesta è sostituito velocemente da corse in cavalli e carrozze verso la residenza dei Lightwood. Per Benedict non c'è più niente da fare, la sua trasformazione in demone è completa e i Cacciatori non possono far altro che abbatterlo. Queste vicende sollevano le preoccupazioni del Console che già nel libro precedente non era convinto della condotta di Charlotte. Tutt'ora non la ritiene adatta al ruolo di direttrice dell'Istituto di Londra e cerca di ingannarla grazie all'aiuto dei fratelli Lightwood, ora ospiti dell'Istituto. Mortmain è ancora il principale problema di tutti. Charlotte aveva 15 giorni per trovarlo ma le ricerche non hanno portato altro che problemi... e ancora non hanno ottenuto nessuna informazione utile. Sarà l'esercito meccanico di Mortmain a presentarsi alle porte dell'Istituto portando ancora più scompiglio e rapendo Tessa.

Le vicende si susseguono velocemente e il triangolo amoroso Tessa-Will-Jem si complica sempre più. L'autrice riesce ad escogitare un finale totalmente inaspettato ma piacevole. 
Ho trovato questa trilogia nel complesso più interessante della saga The Mortal Instruments. La lunghezza è appropriata e non ci sono parti troppo lunghe e noiose. Il narratore onnisciente prende le parti di ciascun personaggio senza dimenticare sentimenti, sensazioni e pensieri di ognuno. Mi è piaciuta questa visuale completa e allo stesso tempo in grado di tenere in suspense il lettore che visualizza facilmente le espressioni dei personaggi tanto sono caratterizzati. 

Nonostante le incertezze che ho avuto sul primo libro, consiglio vivamente la saga: originale variante sul tema Shadowhunter.

Buona Lettura!
Patty

venerdì 9 maggio 2014

Nella tela del tempo di Barbara Nalin e Tiziana Recchia

"Il tempo che sconvolge, che unisce, divide e poi riunisce."




Il primo libro di due scrittrici emergenti: Barbara Nalin e Tiziana Recchia.

Melita è una ragazza maltese scappata in America. Lavora nella redazione di un giornale che si occupa di esoterismo, come fotografa. Finalmente ha iniziato ad uscire con un ragazzo, Murad, cercando di ricostruirsi una vita e lasciandosi alle spalle il rapporto burrascoso con la madre, motivo principale della sua dipartita. Quando tutto sembra andare per il meglio, il giornale concorrenziale, pubblica un articolo su un certo mulino in grado di far viaggiare nel tempo. Il mulino in questione è di proprietà della nonna di Melita: Velata dalle Tele. Il capo della ragazza, sentendosi inizialmente tradito, decide di rimandarla a casa, sull'isola di Comino, dov'è collocato il mulino e dove si terrà un corso esclusivo. Così Melita dovrà affrontare tutto ciò che si era lasciata alle spalle per partecipare agli incontri in qualità di fotografa della rivista.
Il corso ha l'obiettivo di ritrovare le 7 Tele, andate perdute nel tempo, che, installate sul mulino, permettono di viaggiare in qualsiasi giorno di qualsiasi epoca. I Cavalieri di Malta erano i custodi di questo segreto ma altri vennero a conoscenza della possibilità di plasmare a proprio piacere la storia e ne scoppiò una guerra. Presto la trama si complica facendo venire a galla, poco a poco, tutti i segreti custoditi dai vari personaggi...

Questo libro mi è piaciuto molto e lo consiglio a tutti. Ho trovato la trama travolgente ed interessante, bilanciata in avventure, riflessioni e sentimenti. La storia regge, anche se in alcuni punti (più che altro alla fine), tra viaggi nel tempo, visioni e flashback si fa un po' fatica a seguire. Molto interessanti e profondi, i discorsi fatti sui valori rappresentati da ciascuna tela. Si percepisce il lavoro di ricerca sia in questi frangenti che in altri: nella scelta dei nomi, nella descrizione dei paesaggi e nella ricostruzione della storia dei Cavalieri di Malta. Brave le scrittrici che si sono alternate in modo fluido senza portare discontinuità nella trama, restando coerenti e creando una trama che tiene incollati al libro dall'inizio alla fine.

"Come una mosca può intrappolarsi fino all'estremo nella tela di un ragno, così l’uomo può rimanere schiavo della tela del tempo, di un tempo non suo, estraniante e sconvolgente, che può condurlo alla definitiva scomparsa o alla sua rigenerazione."


Link della pagina facebook:

Link per acquistare il libro:

Qualcosa di più sulle autrici...

Come nasce l’idea di un romanzo a quattro mani?

Barbara: L’idea è nata da Tiziana, (Tiziana è life coach e coach manageriale), che un bel pomeriggio mi chiama e mi dice: “Ti va di scrivere un altro libro?”. Io avevo appena pubblicato un romanzo fantasy per adolescenti “I Guerrieri dell’Arcobaleno e la Profezia di Vallecolore” con una casa editrice di Verona. Io naturalmente ho detto di sì e da lì è iniziata la nostra avventura. 

Cosa c’è di voi nel romanzo? Vicende, analogie con personaggi? O che altro?

Tiziana: per quanto mi riguarda, c’è una forte analogia con Virginia, la formatrice (anche se lei è più giovane di me) e tutte le vicende che la riguardano.

Barbara: io penso di avere delle analogie con tutti i personaggi femminili del romanzo. A tratti mi sono sentita Melita, Anne, Sara, Eliza, Velata, Virginia e non da ultimo Debra. Forse il personaggio a cui mi sono maggiormente affezionata è proprio Velata perchè è quello che io psicologicamente trovo più interessante e riuscito. Anche per Eliza nutro un certo attaccamento perché è proprio da lei che scaturisce l’argomento preferito delle conversazioni femminili: il continuo interrogarsi sul rapporto madre-figlia. 

Ci sono opere o autori che vi hanno indotte alla scrittura o ispirato in qualche modo?

Barbara: io sono una lettrice onnivora, leggo sempre e in continuazione e soprattutto compro libri, come dice mio marito: “Tu devi avere un Karma con i libri”. Sì, insomma, ho un atteggiamento compulsivo, li acquisto, li accatasto, mi approprio degli spazi altrui (vedi spazio libreria di mio marito) e ora anche i miei figli sono come me! Comunque ritornando alla domanda: sì, c’è stato un libro o meglio due libri che mi hanno ispirato e penso mi abbiano portato alla scrittura, “Là dove soffia il Mistral” di Giovanna Righini Ricci che la mia professoressa delle medie ci leggeva durante l’ora di narrativa e “La signora di Hay” di Barbara Erskine.

Cos’è per voi la scrittura?

Barbara: per me la scrittura è tutto, è la mia vita, il modo in cui metto su carta la mia fervida immaginazione, i miei pensieri, la mia sofferenza e la mia gioia. 

Tiziana: per quanto mi riguarda, scrivere questo libro è stata una sorta di esperimento, un mettermi in gioco e vedere se riuscivo a fare anche questo. 

Cosa vi ha spinto verso il self-publishing? 

Barbara: beh, il mondo dell’editoria italiano non brilla certo per correttezza! Io dopo essermi imbattuta in editori che non hanno mai pagato i diritti d’autore, che chiedevo soldi per la pubblicazione o che ancora prima di incominciare ti chiedevano soldi per la promozione, ho deciso di rivolgermi al self-publishing. Questo romanzo non è nemmeno passato per le mani di un agente letterario e casa editrice. 
Sapevo che le grandi case editrici non ti prendono nemmeno in considerazione (ci ho provato con il precedente e mi sono sentita dire che mancava di qualcosa e che non era per niente originale) quindi abbiamo bypassato gli addetti al mestiere e ci siamo messe in gioco. Abbiamo fatto bene? Non lo so, ma so che mi piace il lavoro di promozione che sto facendo, mi diverte e mi gratifica e mi fa sentire parte viva del libro. 

Cosa consigliereste ai neo-scrittori che desiderano pubblicarsi?

Barbara: consiglio di provarci! Di tentare e di mettersi in gioco! Dopotutto cos’hanno da perdere? Prima di pubblicare anche io mi dicevo: “E se poi il libro non piace? Cosa faccio? Di sicuro abbandono tutto”. Beh, ora non è più così, anche se non dovesse piacere, so che continuerò a scrivere, perché è quello che mi riesce meglio e che voglio fare nella vita. 


Sosteniamo queste scrittrici!
A presto, Patty

lunedì 5 maggio 2014

Gironzolando in libreria...

Oggi ho fatto un giretto in libreria cercando un regalino per la festa della mamma e mi sono imbattuta in una bellissima sorpresa: la collana LIVE Deluxe della Newton Compton. Forse alcuni di voi erano già a conoscenza di queste perle letterarie che sono uscite il 17 aprile, tutti gli altri aprano bene gli occhi! 

Con meno di 2 euril potete regalarvi un'oretta o poco più di chiacchiere con i più grandi scrittori di tutti i tempi. Io non ho resistito a prendere subito il libro di Jane Austen "I Watson". La adoro! Anche se i suoi romanzi rosa sono spesso prevedibili amo immergermi nelle atmosfere ottocentesche che descrive, perdermi nei pensieri delle sue eroine e nei suoi paesaggi.

In generale, senza perdermi in commenti su Jane Austen, approfitterei di questa offerta per fare una bella scorta da portare sotto l'ombrellone. La copertina cartonata rende questi libricini molto più resistenti rispetto alla precedente versione e più belli per le vostre librerie. 
La Newton Compton ha fatto un ottimo lavoro riportando alle mani (e alle tasche) di tutti i classici della letteratura, bravi!

Voi avete già fatto razzia di questi bijoux?
A presto
Patty


giovedì 1 maggio 2014

Shadowhunters - le Origini - Il Principe di Cassandra Clare


Questo è il secondo libro della saga "le Origini" si Cassandra Clare edito in Italia da Mondadori per la collana Chrysalide. La saga è ambientata nella Londra di fine 800. 
*sconsiglio la lettura della seguente recensione a chi non ha già letto il primo libro*

La direzione dell'istituto di Londra a carico di Charlotte, è in pericolo: l'associazione segreta capeggiata da Mortmain, il Pandemonium Club, continua a creare problemi. Le sue capacità come direttrice dell' istituto vengono così messe in discussione da Benedict Lightwood il quale si ritiene un ottimo sostituto. 
Il consiglio accoglie le lamentele di Benedict dando a Charlotte un termine di due settimane per trovare Mortmain e dare un taglio una volta per tutte al suo esercito meccanico. Nel corso del primo libro infatti, si è scoperto che le intenzioni di Mortmain sono di creare un esercito di automi semiumani in grado di distruggere la razza dei Nephilim. Nessuno capisce il motivo di tanto astio nei confronti dei Cacciatori e le indagini iniziano proprio da qui. Tutti i residenti dell' Istituto si riuniscono per cercare informazioni e finiscono per trovare una richiesta di risarcimento di Mortmain. Quest'ultimo era un figlio adottivo di due stregoni dediti totalmente alle Arti Oscure e per questo uccisi dai Cacciatori. Solo a pochi giorni dalla scadenza, senza aver molte tracce di Mortmain, trovano una strategia per ribaltare la situazione a proprio favore.

I personaggi in questo libro vengono molto caratterizzati, c'è spazio per tutti, perfino per la cameriera Sophie. Ovviamente Tessa rimane la protagonista indiscussa soprattutto per le sue riflessioni amorose ma non solo. Spesso si interroga sulla sua natura: non conosce l'origine delle sue abilità e un colloquio con il fratello Nate tirerà fuori gli scheletri nell'armadio della famiglia. 
Anche Will trova un discreto spazio all'interno della trama. Finalmente si capisce il motivo della sua continua scontrosità e si assiste ad un piacevole cambio di personalità. 
Anche la caratterizzazione delle famiglie mi piace. Ho notato un collegamento di vizi e virtù che collega come un filo rosso, le famiglie delle due saghe: The Infernal Devices e The Mortal Instruments.

Il primo libro non mi aveva preso moltissimo e ho iniziato a leggere il secondo per pura e semplice curiosità. Un po' mi ero affezionata al personaggio di Tessa, lo ammetto. 
Ho trovato Il Principe una versione fantasy di un tipico romanzo alla Jane Austen di cui si parla e che io adoro. Sicuramente lo consiglio, non lasciatevi scoraggiare se il primo non vi ha preso molto, non ve ne pentirete. :)

A presto!
Patty

Altri post che possono interessarti...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...