sabato 15 novembre 2014

Il cavaliere d'Inverno di Paullina Simons

"Addio mia canzone sotto la luna e mio respiro, mie notti bianche e giorni d'oro, mia acqua fresca e mio fuoco. Addio. 
Che tu possa trovare conforto e una vita migliore, e quando l'alba occidentale illuminerà ancora una volta il tuo viso adorato, sii certa che quello che ho provato per te non è stato invano."



Da un pezzo ho finito questo mastodontico libro senza riuscire a trovare la forza per scriverne una recensione. Non è per nulla facile costruirsi un'opinione di un'opera così densa, alcune parti mi sono piaciute più di altre e il finale non mi ha molto convinto ma per arrivare a queste conclusioni ho comunque dovuto lasciar sedimentare il malloppo XD.

La storia è ambientata nella Russia della seconda guerra mondiale, a Leningrado, e comincia il giorno in cui viene dichiarato lo stato di guerra della nazione. Tatiana, cercando di soddisfare come sempre tutte le richieste della sua numerosa famiglia, si reca immediatamente ad acquistare le provviste indispensabili per sopravvivere al futuro burrascoso che saranno obbligati ad affrontare. Altre famiglie però sono state più rapide, tutti i negozi di alimentari sono svuotati. In preda al panico Tatiana perde la cognizione del tempo e dello spazio. Fortunatamente, un ufficiale nei dintorni la nota e la aiuta a compiere la sua missione: comprare le scorte per l'inverno.
Subito avvertono entrambi un certo feeling ma appena arrivati a casa, l'ufficiale viene riconosciuto da Dasha, sorella di Tatiana. E' Alexander, l'uomo di cui si era innamorata giorni fa e di cui aveva parlato nella notte alla sorella. 
Questo pericoloso triangolo renderà sempre più difficile la vita di Tatiana ma nel frattempo, anche la guerra complica la situazione. L'assedio dei tedeschi su Leningrado è sempre più stringente, le bombe cadono, e il freddo è insopportabile. Non c'è altro da fare se non tentare la fuga al di là del lago ghiacciato per raggiungere le città dell'entroterra.
Non tutti avranno la forza e la volontà di sopravvivere, solo coloro che nutriranno un amore senza confini vinceranno la morte.

Tatiana è il personaggio principale del libro ed è quella che cresce di più tra le pagine, moralmente e caratterialmente. Da ragazza timida e soggiogata al volere imposto da altri diventa una donna coraggiosa, altruista e con una grande forza di volontà. La sua forza è l'amore, che non viene mai meno e alimenta ogni sua singola cellula. Una vera e propria eroina.

Le pagine di questo romanzo sono densissime di avvenimenti e ricche di dettagli ma tutto ciò non rallenta la narrazione. Come al solito, ho cercato di scrivere il meno possibile della trama dandovi uno spiraglio del libro giusto per capire se può piacervi o no. Se siete interessati a leggerlo vi sconsiglio di cercare trame in giro perché al 90% leggerete troppo e capirete cosa succede e sarebbe un peccato. (Se non vi piacciono i libri romantici lasciate stare)

In generale il libro mi è piaciuto ma non ho apprezzato del tutto il finale, mi ha lasciata un po' interdetta e per questo vorrei leggere i seguiti per scoprire cosa succede. In realtà al momento preferisco spezzare la lettura con qualcosa di più leggero altrimenti collasso ahahaha.

Fatemi sapere cosa pensate di questo libro, vi ho convinto a leggerlo? 
...so che molti di voi l'hanno già letto. Secondo voi vale la pena continuare la saga?


Altri post che possono interessarti...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...